sabato, Marzo 23

22/11::::::::::Happy birthday LITTLE STEVEN

0

Steven Van Zandt (Winthrop, 22 novembre 1950) è un musicista, cantante e attore statunitense, conosciuto anche come Little Steven, in onore di Little Richard, o come Miami Steve, soprannome datogli da alcuni amici per il fatto che pare soffrisse sempre il freddo (Miami è una delle città più calde degli Stati Uniti d’America).

Deve la sua fama soprattutto al fatto di aver suonato la chitarra e il mandolino nella E Street Band, la band di Bruce Springsteen, del quale è tuttora collaboratore. La breve ma intensa carriera di attore televisivo (1999-2007) nel ruolo di Silvio Dante nella pluripremiata serie televisiva dell’HBO I Soprano lo ha reso un volto celebre del piccolo schermo e uno dei personaggi più amati dello show. Sulla scia del mafioso italoamericano interpretato per l’HBO, qualche anno dopo Van Zandt diviene protagonista nella serie televisiva Lilyhammer, dove veste i panni di Frank Tagliano.

 Di origine italoamericana, (il nonno era calabrese di Lamezia Terme mentre i genitori della nonna napoletani)e nato con il nome di Steven Lento cambiò il cognome in Van Zandt ereditandolo dal secondo marito della madre.

Ha pure origini Native Americane (Cheyenne) da parte della madre .Steven Van Zandt è stato uno dei primi e storici collaboratori di Bruce Springsteen sin dalle prime apparizioni giovanili, realizzando e componendo assoli con la chitarra in molti suoi successi. Van Zandt ufficialmente lasciò la E Street Band nel 1984 per poi tornarci nel 1995, e sembra che la canzone Bobby Jean di Springsteen sia ispirata a questa separazione professionale. Ha incominciato quindi a pubblicare album solisti o firmati con Little Steven and the Disciples of Soul dagli anni ottanta fino al 1999, pubblicando 5 album che ha dichiarato pezzi di un unico progetto complessivo. Sin dal primo album Van Zandt riscosse un discreto ma lusinghiero successo soprattutto in fatto di critica e vendite. Nel 1984 la musica di Van Zandt divenne più esplicitamente politica, e la pubblicazione del disco Voice of America aveva come tema principale forti critiche alle politiche estere dell’allora Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan. Nel 1985 fondò un’associazione di artisti contro l’apartheid

Share.

Leave A Reply