giovedì, ottobre 19

10/10::::::::Happy birthday MARTIN KEMP (SPANDAU BALLET)

0

Martin è nato a Islington nel mese di ottobre 1961. Dall’età di sei anni ha frequentato il Teatro per bambini di Anna Scher. Nel 1979 suo fratello maggiore, Gary, ha fondato la band Spandau Ballet e poco dopo a Martin è stato chiesto di essere il loro bassista. La band degli Spandau Ballet si sciolse dopo dieci anni esatti, e dopo la pubblicazione dell’ultimo album di studio, intitolato Heart Like a Sky, che non riuscì a ottenere lo stesso successo commerciale e di critica degli album precedenti, soprattutto True del 1983 (la cui title track, True, rappresenta l’unica N° 1 britannica del gruppo) e Parade del 1984 (da cui è tratto il loro ultimo successo USA, Only When You Leave, brano d’apertura e primo singolo estratto dall’LP). Heart Like a Sky non uscì nemmeno negli Stati Uniti, dove la band, per un periodo abbastanza lungo, si divise praticamente il pubblico con i rivali pop rock Duran Duran. Nell’aprile del 1999, Tony Hadley, con due ex compagni della band, il sassofonista e percussionista Steve Norman e il batterista John Keeble, fecero causa al chitarrista Gary Kemp, principale autore dei brani del gruppo, per una più equa divisione delle royalties, senza però spuntarla (in séguito, nonostante l’esito negativo dell’azione legale intentata, Steve Norman è tornato in buoni rapporti sia con Gary che con Martin Kemp, bassista del quintetto, rendendo meno difficile un’eventuale futura reunionDopo lo scioglimento degli Spandau Ballet nel 1989, Martin si diede alla carriera di attore e nel 1990 girò il film The Krays-i corvi, nel film Martin interpreta il ruolo di Reggie Kray assieme al fratello Gary che interpreta Ronnie Kray. Martin nel corso degli anni comparirà in numerosi film e serie tv inglesi. Nel 2011 fa il suo debutto alla regia con il film Stalker.Il 25 marzo 2009 gli Spandau Ballet, a 20 anni dal loro scioglimento, si sono riformati e il 19 ottobre è uscito il loro primo album dopo 20 anni intitolato Once More, dove gli Spandau Ballet ripropogono i loro più grandi successi rivisitati in chiave contemporanea con l’aggiunta di due nuove canzoni.

Share.

Leave A Reply